LA DEMOCRAZIA CRISTIANA IN ITALIA

LA STORIAGLI UOMINII CONGRESSILE ELEZIONILE CORRENTI
I DOCUMENTILE IMMAGINITESTIMONIANZEISTITUTO BRANZIRINGRAZIAMENTI

 

I CONGRESSO NAZIONALE DELLA DC: RELAZIONE DI ALCIDE DE GASPERI
(Roma, 24-28 aprile 1946)

Il I° Congresso nazionale della Democrazia Cristiana si svolge a Roma dal 24 al 28 aprile 1946. Alcide De Gasperi è contemporaneamente il Segretario politico della DC, il Presidente del Consiglio e il Ministro degli Affari Esteri (I Governo De Gasperi). Il Governo da lui guidato è composto dai partiti del Comitato di Liberazione Nazionale.
Insieme ai temi della ricostruzione del Paese e del Trattato di pace, i principali argomenti del dibattito politico vertono sulla scelta tra Monarchia e Repubblica e sulle imminenti elezioni per l'Assemblea Costituente.

* * *

Amici! Molti di voi, parecchi di voi, ricorderanno l'ultimo Congresso del Partito Popolare nel 1925: quella sala angusta e tetra in cui ci eravamo ricoverati per prendere le ultime risoluzioni di fronte alla dittatura ormai incontrastata(1). Risoluzioni, se vi ricordate, che furono semplici, ma franche e decisive.
Non c'era possibilità di agire e di reagire; c'era una sola possibilità: quella di affermare la propria indipendenza morale e di salvaguardare la libertà della propria coscienza.
L'ultima mia parola come Segretario del Partito fu questa: aspettate l'ora della giustizia, non disperate della libertà. Poi venne la distruzione del Partito, degli archivi, di ogni memoria scritta o stampata perfino dei verbali; insomma di tutta l'attrezzatura del Partito ma soprattutto la persecuzione dei capi: persecuzione che portò all'esilio, all'arresto, al confino ed in prigione.
L'ultima roccaforte fu l'Aventino. Poi il silenzio ed una triste lotta per l'esistenza personale e della propria famiglia. Quale era il nostro delitto? Avevamo fatto delle congiure? Avevamo forse attaccato l'autorità dello Stato? No! La nostra colpa che ci si rimproverava sempre era quella di avere nel Congresso di Torino(2), senza attaccare la coalizione governativa, proclamato la difesa assoluta della libertà.
Nel periodo che seguì, la nostra attività all'interno doveva essere molto limitata: cercare d'influire sugli organi di stampa amici o nei circoli cattolici perché questi nella loro massa almeno non si lasciassero attrarre in equivoci: poi discussioni in piccoli gruppi per aggiornare il nostro vecchio programma, sempre sperando che i conflitti al di fuori venissero a rendere possibile un'azione all'interno. Sperammo nel '35; la nostra speranza riprese nel 1940 e allora cominciò l'attività più specificamente cospirativa e lo sforzo di aggiornare il nostro programma nel contatto con i giovani. Mi ricordo il distacco, il profondo distacco dai metodi passati.

Il nostro programma

L'elaborazione programmatica della ripresa del Partito continuò nelle Commissioni di studio presso la Direzione a Roma ed anche altrove, come a Milano, dove specie per merito del gruppo neoguelfo(3) si studiò e si cercò di concretare programmi. Avemmo dei contatti nei momenti della clandestinità e compilammo finalmente quelle Idee ricostruttive che "dovevano essere idee-forza le quali avrebbero animato la volontà del popolo italiano quando questo popolo avesse la possibilità di attuarle".
Quando si dice che non abbiamo un programma o che non abbiamo fatto uno sforzo sufficiente per divulgarlo e chiarirlo, si dimentica che in questo lavoro iniziale noi non ci proponevamo un programma d'azione concreta, perché il campo d'azione non poteva essere definito; dovevarno fare come i seminatori: deporre nei solchi alcune idee fondamentali che agissero poi presso gli amici nel campo concreto per trovare delle formulazioni corrispondenti alla realtà contingente.
Se io guardo il sommario di queste Idee ricostruttive, vedo in verità che tutte le questioni fondamentali sono state toccate, tutte le idee-forza sono state accennate. Le premesse indispensabili: la libertà politica, il regime democratico, le due Assemble e dunque il problema bicamerale, l'organizzazione delle professioni e l'organizzazione dell'ente Regione, la Corte Suprema Costituzionale, i valori morali e la libertà delle coscienze, la giustizia sociale, concretata in problemi particolari per quei che riguardava l'industria e per quel che riguardava il proletariato agricolo, la libertà della media e piccola industria e dell'artigianato, l'ordinamento sindacale, che era fondamentale nelle sue strutture essenziali, già indicate, la rappresentanza di interessi, l'ordine internazionale secondo giustizia.
Lo sviluppo di questo programma o di queste idee programmatiche venne affidato alle Commissioni tecniche organizzate accanto alla Direzione. Voi ne troverete le conclusioni nei diversi Consigli Nazionali: è là che si elaborarono le formule e gli ordini del giorno che, dopo approfondita discussione, venivano accettati dagli organi direttivi dei Partito(4).
Quindi non è esatta l'accusa che si fa alla Direzione, che non ha curato abbastanza la fissazione di un programma. E se ci sono stati dei difetti, delle mancanze, queste hanno riguardato non le idee, ma gli uomini, perché in verità voi potete discutere come meglio vi piaccia o vi è possibile: in un'Assemblea o nelle riunioni del Consiglio Nazionale o della Direzione, si trovano sempre delle formule concordate, ma non gli uomini che le attuano.
Oggi c'è una povertà generale di uomini direttivi in Italia: E c'è una povertà anche nel nostro Partito. Questa è una conseguenza non di debolezza innata o indipendenza delle idee, ma del lungo periodo di astinenza dalla vita politica. Si aggiunga la limitatezza dei mezzi e degli strumenti. Si aggiunga la gravezza dei problemi d'emergenza.
Che cosa volete che avessero fatto questi pochi uomini che dovevano occuparsi di elaborare programmi ed insieme pensare all'avvenire, quando erano pressati tutto il giorno, pressati come lo sono tutt'oggi, dai problemi urgenti che bisogna risolvere? Come si fa a costruire per il futuro quando tutto il giorno si è preoccupati del pane quotidiano? Come si fa a pensare allo Stato avvenire e alla forma e al modo della sua costruzione, quando si è talmente compressi che si può a malapena pensare solo alle linee principali di questo lavoro, senza entrare nei dettagli?
Ecco perché una qualche manchevolezza di elaborazione programmatica si può riscontrare nel nostro Partito. Potrete valutare la gravità dei problemi di emergenza, quando pensate che vi erano 7 milioni di italiani senza tetto, che vi era un terzo della rete stradale con 12 mila ponti da riparare, che vi era l'80 per cento delle linee ferroviarie da rimettere in attività, la marina mercantile distrutta, l'industria elettrica ridotta al 20 per cento; quando questi organismi economici sono a terra, come volete che queste urgenze quotidiane e primarie, queste estreme necessità di ogni vita collettiva, non urgano talmente da assorbire quasi l'attività dei pochi uomini che sono chiamati a prendere risoluzioni e a farle eseguire?
Aggiungete l'occupazione degli Alleati, lo sconquasso morale che ha portato la guerra civile e che portano tutte le misure di epurazione, le Nazioni che ci premono su tutte le frontiere e vogliono falcidiare il nostro territorio, il problema delle riparazioni che ci mette in angustia, l'ordine pubblico e il disarmo che si dovrebbe fare e non è ancora fatto. Ecco tutto quello che impedisce ed ha impedito fino adesso una chiarezza cristallina e schematica di programmi.

L'attività del Partito

Questa mia è una nuda relazione. Debbo riferire soprattutto su quello che si è fatto e posso affermare che nonostante le deficienze che ho ammesso, si è però lavorato molto per lo sviluppo dei singoli capitoli programmatici. Vedete le pubblicazioni della nostra S.E.L.I.(5), le collane delle "Idee e battaglie" dei "Profili" dei "Documenti" ma soprattutto gli opuscoli della Segreteria "Spes"(6) opera preziosa diretta da uomini come Dossetti e Fanfani, ai quali non possiamo essere abbastanza riconoscenti.
È uscito proprio in questi giorni il "Dizionario sociale" con 800 voci, 188 pagine e 60 collaboratori, e sono ormai 9 le "Guide del propagandista"; 3 i fascicoli dei "Panorami"; 3 quelli delle "Riforme"; 2 dei "Contradittori", un numero non contato di manifesti, di volantini, di opuscoli di propaganda per le due elezioni: quelle amministrative e quelle politiche.
Abbiamo organizzato in questo periodo quattro Corsi di propagandisti provinciali; abbiamo avuto, dal 31 gennaio 1946, 600 propagandisti in funzione. Abbiamo organizzato 5.300 comizi. Sopratutto dovrei accennare alla felice iniziativa dell'amico Dossetti e dei suoi collaboratori: la "Giornata di solidarietà". In essa si ebbero 5.000 discorsi ed i fondi raccolti e destinati alle opere di pubblica assistenza raggiunsero la cifra di 300 milioni. Le borse di studio istituite per i figli del popolo ammontano a 578; i corsi per i reduci a 133.
Voi attenderete anche le cifre riguardanti il Partito. C'è qualcuno che vorrebbe nasconderle perché non sono mai corrispondenti al desiderio. È probabile che oggi la cifra dei tesserati tocchi il milione e mezzo. Quando si fecero però le statistiche, eravamo ad 1.054.000 con 7.171 Sezioni. Di questa cifra 1 253.000 sono donne. Le percentuali delle organizzazioni non sono naturalmente ancora sufficienti: nell'Italia settentrionale il 2,87 per cento della popolazione, nell'Italia centrale l'1,59 per cento(7); quella del Regio in genere il 2,47 per cento.
Dobbiamo ammettere che il tesseramento non è ancora sufficiente, dobbiamo rilevare una deficienza di spirito organizzativo. Dobbiamo qui, dalle aumentate cifre del presente, partire per una nuova campagna organizzativa. Noi abbiamo bisogno di scuotere, di dare il senso della responsabilità. Abbiamo anche. bisogno, diciamo la verità, di fondi(8). Non è possibile mantenere e sopperire alle spese di un grande partito senza che questo non senta il dovere di contribuire con un numero grandissimo di tessere. Non è con ciò che io voglia mettere il nostro Partito, cioè la sua efficacia reale, alla pari o al disotto di partiti che hanno maggiori iscritti. Noi sappiamo che vi sono organizzazioni parallele alla nostra, che vi sono organizzazioni supplettive le quali possono sopperire alla mancanza di organizzazioni dirette. Tuttavia è nostro dovere di fare uno sforzo ulteriore.
Il lavoro compiuto dalle donne è stato notevolissimo(9). Non accenno a quello durante la guerra civile o durante le ostilità, ma penso al periodo organizzativo dopo la Liberazione Abbiamo avuto 83 Convegni provinciali, oltre al Convegno nazionale in Roma; circa 6.180 visite organizzative; 40 scuole di propaganda; 90 borse di studio e 4 periodici che manifestano le idee del Movimento femminile del Partito.
È impossibile accennare alle numerosissime opere di assistenza che le organizzazioni femminili hanno promosso.
Bisogna ora vincere una grande riluttanza che vi è nel mondo femminile, specialmente nel Mezzogiorno, ad iscriversi, a prendere la tessera.
Bisogna superare con grande difficoltà questa tendenza negativa che è insita un pò nel costume e nelle tradizioni, del resto rispettabili.
Nel Movimento giovanile(10) abbiamo avuto: un Convegno nazionale, 13 Convegni regionali, 152 Convegni provinciali, centinaia di visite di propaganda. Una delegazione giovanile democristiana ha partecipato a Londra al Congresso mondiale della gioventù ed a Praga a quello internazionale degli universitari. I giovani hanno svolto una intensa attività sportiva, vincendo campionati periferici nelle squadre della "Libertas", il cui centro nazionale è stato egregiamente diretto da Giammei.

La nostra stampa

Diciamo ora una parola sulla stampa, non perché abbia da rilevarvi molte cose, ma perché vorrei offrire l'occasione che le diciate voi nella discussione: 9 sono i quotidiani e 80 i settimanali.
Rivolgo un ringraziamento speciale ai direttori, ai redattori e ai lavoratori di questi giornali, che hanno fatto una buona battaglia. Però devo dire che sono molto inquieto sullo sviluppo della nostra stampa. Credo che non sia possibile che continui la dispersione che si sta instaurando e ripetendo, nonostante la triste esperienza del passato. Credo che, quando sarà passato questo breve periodo transizionale, quando si ritornerà alle quattro pagine, il peso finanziario dei giornali sarà tale che, invece di giovare al Movimento, rappresenteranno una palla di piombo ai piedi del Partito in marcia. Prego gli amici non soltanto al centro, ma anche alla periferia, di considerare bene questo pericolo.
Io riterrei necessario ricostituire una delegazione o un organo collettivo, il quale dia assistenza e coordinamento e, sopratutto, richiami gli amici, alle esperienze fatte, affinché non si incorra negli stessi errori.
È meglio che noi abbiamo il coraggio di affrontare questo problema nettamente e chiaramente: o il Partito, il che vuol dire con le sue forze, ha la possibilità di fondare un giornale e di mantenerlo, o, altrimenti, non bisogna prendere iniziative che non si possono sostenere o che, per sostenerle, convenga ad un certo momento ricorrere a fonti sospette. Questo deve essere un principio di moralità.

L'unità sindacale

Avete avuto, voi sindacalisti, recentemente un Convegno, cui ho potuto assistere per qualche momento; ho avuto una impressione di forza, di organizzazione, di unità morale e politica, di unità di concezione sociale. Però voi stessi in questo Convegno avete ammesso le debolezze nostre nel campo sindacale. Si dice: bisogna che il Partito faccia la parte sua; e questo è vero. Il Partito aveva deciso di costituire un "ufficio centrale sindacale" con uffici provinciali o regionali; fino ad ora questa organizzazione non è stata attuata. Anche qui è la scarsità di uomini che l'ha impedito, non che ci mancasse la consapevolezza della necessità e dell'urgenza del problema.
Poi, è evidente che manca un coordinamento fra il movimento sindacale entro la Confederazione, le Acli e l'Icas(11).
Si era deciso di costituire un Comitato permanente; per diverse circostanze questo Comitato non è stato fatto. Ma bisogna farlo, perché non è possibile che queste forze che confluiscono al medesimo scopo, non scambino tra loro le informazioni necessarie.
Fedeltà all'unità sindacale, sì. Ma questa fedeltà è possibile solo a condizione che la fusione della Confederazione non sia subordinata a programmi e direttive di partiti. In secondo luogo questa fedeltà si può attuare e mantenere ad un'altra condizione: che i nostri amici assumano figura propria. anche esternamente, in modo che il nostro concorso alla linea mediana sia un'attività manifesta anche al pubblico.
Inoltre questa manifestazione, questa rivelazione di una personalità specifica è possibile solo se si manifesta in una collaborazione con gli organi tecnici del Partito e con le altre associazioni alle quali ho accennato. Collaborazione che si deve manifestare sopratutto negli organi di stampa. Non è possibile che le cose continuino così nel giornale Il lavoro.
Questo che attraversiamo è un periodo di transizione, ma bisogna che fin d'ora si rivendichi come mèta il riconoscimento giuridico dei Sindacati. Noi non lasciamo cadere la tendenza fondamentale e costitutiva nel nostro Movimento democratico cristiano, cioè che ci sia una organizzazione di diritto pubblico (organizzazione che comprenda tutti i lavoratori e aperta a tutti)per quanto è essenziale del Sindacato e soprattutto per quanto riguarda i contratti collettivi, e che per il resto ci sia possibilmente una pluralità di cooperazione sia riguardo il collocamento, come per la previdenza sociale e l'assistenza in genere dei lavoratori.
Se vogliamo salvare l'unità e renderla efficace dobbiamo limitarla a quello che c'è di comune e non è in discussione fra le varie correnti.

Le vittime della lotta politica

Sento il dovere di ricordare qui le vittime cadute nella lotta politica. Questa mattina avete commemorato i caduti della lotta partigiana.
Settembrino Penna, di anni 18, aveva preso parte alla guerra partigiana contro i tedeschi ed i fascisti. E nella sua cittadina a Roccaforte del Greco, in provin la di Reggio Calabria era tra i più attivi democratici cristiani. Mentre partecipava alla ricerca del colpevole di un delitto, insieme ad altri partigiani e ad alcuni carabinieri, venne ucciso da una sparatoria partita dalla casa dell'ex sindaco comunista del paese, che con i suoi fratelli., ricercato appunto per tale delitto, si era barricato nella sua abitazione. Il giovane si spegneva il 12 marzo 1945.
Nello stesso periodo veniva assassinato in una vicina frazione del Comune di Caulonia ad opera di squadristi rossi il parroco Don Amato, a motivo della sua attività religiosa e sociale. Il parroco Amato era un esemplare sacerdote, stimato da tutti per la sua attività antifascista e per il suo apostolato benefico.
Dottor Emilio Zavattaro, Segretario della Sezione della Democrazia cristiana ad Anzola Emilia, veniva ucciso ai primi di febbraio a tradimento, mentre girava per le campagnw per svolgere la sua attività, da due sicari mascherati che riuscivano poi a dileguarsi. Il dottor Zavattaro era un giovane professionista molto stimato e nella zona dove i rossi avevano creato un'atmosfera intollerabile di terrore con violenze e sopraffazioni, si prodigava impavido per l'idea noncurante di minacce di morte che più volte gli erano state fatte.
Ad Andria, il 7 marzo veniva consumato un altro orrendo delitto contro due attive militanti dell'Azione Cattolico e del Movimento femminile della Democrazia cristiana: le sorelle Stefania e Vincenza Porro, di anni 54 e di anni 60. Erano due nobili figure, dedite alle opere benefiche e, fra l'altro, non soltanto avevano dato un milione per l'erezione della nuova Chiesa, ma sussidiato numerose istituzioni assistenziali della città e aiutato con centomila lire la locale cooperativa edilizia diretta da elementi comunisti. Durante episodi rivoltosi accaduti ad Andria mentre l'onorevole Di Vittorio teneva un comizio sulla piazza del Municipio, vennero sparati dei colpi di fucile. Dalla folla dei comizianti alcuni gruppi si avventarono contro la casa delle sorelle Porro, che in quel momento stavano recitando il Rosario. Le due donne, malmenate a sangue e trascinate per le vie furono sottratte, orrendamente ferite e agonizzanti, agli energumeni imbestialiti e condotte all'ospedale dove si spensero. I due cadaveri delle poverette dai rivoltosi furono trascinati durante la notte sulla piazza e i delinquenti volevano bruciarli e soltanto l'intervento di Di Vittorio riuscì ad impedire lo scempio. Dopo la morte orrenda delle due sorelle Porro venne sparsa sinanche la calunniosa voce che esse detenevano in casa una valigia piena di bombe a mano, ma le indagini accertarono che la valigia conteneva invece ricordi personali delle disgraziate, mentre fu pure accettato che le due vittime innocenti, come le altre due loro sorelle, anch'esse percosse a sangue e gravemente ferite dai rivoltosi, erano completamente estranee alla sparatoria che aveva disturbato... il comizio comunista.
A Riesi in provincia di Caltanissetta, ultimo della serie dei Caduti della Democrazia cristiana nella lotta politica, è stato l'attivissimo organizzatore operaio Giuseppe Lo Grasso, ucciso a tradimento dal militante comunista Pietro Di Bilio, durante la giornata elettorale amministrativa del 17 marzo '46 con un colpo di rivoltella sparatogli alla schiena mentre assisteva ad un comizio illegalmente indetto dagli stessi comunisti locali, per esercitare intimidazione onde impadronirsi con la forza del Comune. L'omicida tratto in arresto, ha pienamente confessato il suo delitto, confessando pure che insieme ad alcuni altri suoi compagni, anch'essi assicurati alla giustizia, avevano complottato in un'apposita riunione di compiere delle violenze intimidatorie contro i partiti avversari.
Non voglio davvero imputar questi fatti - dovuti ad iniziativa della periferia - alla responsabilità ufficiale dei partiti, ma è fuor di dubbio che essi costituiscono un insegnamento e pongono gravi problemi.
Amici miei, c'è qualcuno che dice: "E meglio queste cose non pubblicarle... è meglio queste cose non pubblicarle, perché da una parte si intimidiscono i nostri e dall'altra si urtano". Sono d'accordo su questa vostra energica reazione, comunque io lo faccio, lo faccio non per rimproverare i nostri avversari, perché questo è contro il nostro proposito. Nessuna rappresaglia, nessun risentimento, però un monito: che, se noi abbiamo potuto tollerare queste vittime, non intendiamo piegarci ad intimidazioni. Io spero che non vi sia bisogno di nessuna reazione da parte nostra, perché il Governo avrà i mezzi necessari per impedire qualsiasi atto di violenza. Ma monito in ogni modo, ché noi non abbiamo nessuna intenzione di tollerare intimidazioni né da sinistra né da destra. Se c'è ancora qualche cosa che turba la nostra speranza di una decisione serena e libera sono proprio queste voci intollerabili di armi e di armati.

Prima e dopo il 25 luglio

Passiamo all'argomento, che più interessare questo Congresso. Non entro nel merito delle relazioni affidate a Gonella e a Piccioni, però è mio compito di farvi un po' la storia della nostra tendenza e spiegarvi le nostre responsabilità, la parte che abbiamo avuto nella preparazione della Costituente e del referendum.
Un giornale di destra(12) ha chiesto ripetutamente che il Governo pubblichi i documenti del 25 luglio e i documenti riguardanti i giornali immediatamente prima di questa data. Ora, per quanto riguarda i documenti, devo dire che io non ne possiedo nessuno(13).
Senza dubbio prima del 25 luglio da parte di quel piccolo Comitato, che fu il primo nucleo del Comitato di Liberazione centrale, composto soprattutto dei membri che erano permanentemente a Roma, si fecero dei passi per influire sopra la decisione del Re. Era nostro dovere continuare l'opera che avevamo iniziato al tempo dell'Aventino. Si cercava di persuadere il Re che conveniva rovesciare Mussolini, interrompere o rovesciare la guerra. Insistenze vennero fatte direttamente dall'onorevole Bonomi. Io non ebbi nessun contatto, tuttavia autorizzai ripetutamente Bonomi a dichiarare che io e i miei amici avremmo appoggiato un Governo che si proponesse la cacciata di Mussolini e la dichiarazione di guerra alla Germania e che saremmo stati pronti ad assumere tutte le responsabilità ed i rischi del colpo di Stato.
Queste nostre previsioni che confluivano con pressioni che venivano da altre parti, come sapete ormai dalla storia, ottennero un certo effetto, ma non un effetto completo; ottennero l'effetto del colpo di Stato, ottennero che la Corona, fidandosi sulla forza dei carabinieri, licenziasse Mussolini e lo facesse arrestare; ma non si ottenne un Governo antifascista, il che sarebbe stato necessario per dichiarare "moralmente" la guerra alla Germania. Tuttavia noi appoggiammo, come era possibile e nei limiti che ci venivano concessi, il Ministero Badoglio, perché era un Ministero il quale doveva costituire la passerella ad un Ministero antifascista. Più tardi, durante il breve periodo del Governo Badoglio, arrivarono in Italia gli emigrati e nuovi rappresentati dei partiti di sinistra. Da allora cominciò nel Comitato di Liberazione una serie di discussioni penose, che hanno rappresentato il tormento ed il travaglio di quel periodo clandestino o preclandestino. Una sola volta potemmo agire d'accordo dinanzi al Governo Badoglio, quando intervenimmo presso di lui il 5 agosto, alla vigilia del Convegno di Tarvisio, affinché si decidesse alla rottura con la Germania. Poi venne la catastrofe.
Il Cln dovette far vita sotterranea ed in quei momenti così tragici fu faticosa la vita di un Comitato che poteva radunarsi raramente e cambiando continuamente sede e che non trovava facilmente la piattaforma di un'azione comune.
Devo ricordarvi alcuni avvenimenti, ed uno in modo particolare che risale all'autunno-inverno 1943-44. L'Avanti! faceva allora propaganda per un Governo di salute pubblica che mettesse da parte la Monarchia ed avesse tutti i poteri onde decidere sulla situazione e sulla futura conduzione della guerra. Dopo lo sbarco ad Anzio si auspicava una nuova azione esplosiva delle masse. Eravamo al periodo del Congresso di Bari e da Roma partì la proposta della incriminazione del Re e della proclamazione di permanenza dell'Assemblea. Faccio cenno a queste ormai lontane vicende storiche, perché questa campagna portò alla crisi del Comitato di Liberazione ed il Presidente Bonomi si dimise. La discussione sopra queste dimissioni, che veniva continuata da una settimana all'altra, in diversi luoghi e con molte cautele, portò ad uno scontro molto animato ed a una divergenza sentita intorno ai metodi di azione. Due tesi si scontrarono: quella della insurrezione e l'altra della Costituente.
Dopo il Congresso di Bari l'Avanti! annunciò la "bomba Ercoli", cioè l'arrivo di Togliatti, lagnandosi aspramente di questo intervento ed affermando che invece la via proposta dai socialisti era quella dell'insurrezione. Scriveva l'Avanti! queste parole: "Era la via che storicamente si illuminava con i precedenti francesi del terrore settembrino e maratiano, quando per poter vincere il nemico di fuori fu giocoforza schiacciare prima quello di dentro". L'Unità rispondeva allora che la questione istituzionale nei termini in cui era stata posta non faceva che avvelenare la situazione e si richiamava al patto d'azione, sostenendo il rinvio della questione alla Costituente.
In una seduta del 18 marzo feci queste dichiarazioni che mi sono appuntate per la storia: "Non temo la parola rivoluzione, ma ne ho piuttosto fastidio dopo venti anni che il fascismo, richiamandosi ai diritti della rivoluzione, ha commesso tante soperchierie e violato i diritti dei cittadini. A ogni modo la vera rivoluzione è la Costituente. Quanto al gesto insurrezionale, al "putsch", sarà permesso di ricordare ai socialisti la tesi di Lenin: "Non giocare mai alle insurrezioni, ma quando si comincia, andare sino in fondo". Di tali errori non vogliamo essere corresponsabili. I democratici cristiani sono per la soluzione democratica, perché sanno che il popolo vuole la libertà cioè vuol essere padrone in casa sua, ciò che gli può venir garantito in via pacifica con la Costituente, ove il rinnovamento deve avvenire per la forza interna di autodisciplina e di autogoverno.
Questo, o amici miei, per ricordarvi che la parola Costituente non è venuta più tardi, ma è nata nel conflitto d'allora ed è nata soprattutto come tendenza democratica contro velleità di carattere insurrezionale che non so personalmente di chi fossero, ma si presentavano come socialiste.
Ecco che quando ci siamo radunati a Salerno, come Governo, nella prima riunione abbiamo deliberato la Costituente. Noi avevamo preso un atteggiamento favorevole, e avevamo anzi tentato, ma invano, di lasciare aperta la possibilità di aggiungere eventualmente, ad integrazione un referendum "optativo", come lo chiamavamo.
La nostra opera di Governo, che seguì fra scogli e difficoltà diverse, ha portato ad assicurare la Costituente nell'accordo stesso delle parti in causa e ad introdurre anche il referendum.
Non credo a quel che si andava dicendo un po' sul serio e un po' ironicamente, che le conclusioni governative siano dovute a una particolare mia abilità di compromesso. Credo piuttosto, che si è avuto fiducia nella direttiva democratica e nel metodo della libertà, da me sempre professate, e nella coscienza, che al riguardo è intemerata, che non avremmo mai ceduto sul terreno della libertà dell'elettore e del popolo, né mai avremmo approvato ricorsi alla violenza, ma che avremmo fatto ogni sforzo perché il popolo potesse decidere serenamente.
Se vi sono partiti che attribuiscono a sè il merito principale della Costituente, non voglio più contestarlo. Dico che il nostro contributo fu senza dubbio meritorio e decisivo.

Referendum e Costituente

In questa battaglia per la libertà, non dobbiamo però perdere d'occhio i principii essenziali che condizionano la forma, cioè i principii della civiltà italica cristiana, in cui sta l'avvenire e la salute del popolo.
Il referendum costituisce il metodo più democratico per risolvere in ultima e definitiva istanza la questione con un atto di democrazia diretta che fa appello alla personalità umana. È un metodo pacificatore, purché fatto in libertà, purché dopo questa decisione arbitrale del popolo non ci potranno essere contestazioni di sorta. Però qui torno ad accennare alla necessità che i partiti e i cittadini di tutte le parti disarmino. Donde sono venute le armi del carcere di Milano(14)? Donde vengono le armi che approdano di tratto in tratto a Chioggia o a Bari?
Noi poi logicamente abbiamo indetto anche un referendum interno del Partito. Può darsi che l'attuazione di esso, come molte cose nella vita, non sia stata perfetta, però fu una iniziativa che ha riscosso il maggiore interessamento dei nostri iscritti, tanto nelle Sezioni che nei Comitati, sì che anche in questo stesso Congresso si avrà, sperò, un senso di maggiore responsabilità.
Gonella vi farà un magnifico ed enciclopedico discorso sulla Costituzione; Piccioni vi parlerà della forma istituzionale. Le dicerie che ci sia qualcuno che voglia diminuire la vostra libertà, sono fatte correre per dividerci e per toglierci quella serenità che è necessaria nei momenti di gravi decisioni. Parallelamente al referendum andava congiunto anche il lavoro dei Comitati composti di uomini competenti nelle regioni per discutere i problemi della Costituzione. Abbiamo avuto da qualche parte ottimo contributo di proposte o di schemi generali, ma in verità credevano di poter sperare in un contributo maggiore e più assistenziale. L'opera della Commissione centrale diretta dall'amico Tupini ha utilizzato tutti questi elementi di studio che serviranno per i lavori della Costituente.
Ma, lasciatemelo dire, vedo con grande preoccupazione le Commissioni che usciranno dalla Costituente e che dovranno cercare la via del componimento, la via della transazione sopra le questioni fondamentali che saranno la base della vita pubblica italiana. Le vedo con grande preoccupazione, non soltanto per la scarsa preparazione, che è proprio del ritmo del nostro tempo, ma soprattutto per la differenza dei punti di vista e per la differenza di origine dei nostri partiti. In Francia, dove c'è una esperienza secolare, un accordo non si è raggiunto. Perfino sulla definizione stessa della proprietà si finisce col dire che "tutto il resto verrà precisato dal Parlamento prossimo", il che vuol dire rinvio a sede meno propria.
Però noi siamo in cammino ed i democristiani daranno tutto il loro contributo affinché la Costituzione riesca veramente la Costituzione del popolo italiano. Di questo vi parlerà Gonella. Non posso trattare i singoli problemi perché ricompariranno nella sua relazione, ma vorrei accennare a qualche criterio generale, a qualche direttiva di marcia nei confronti con gli altri partiti.
Tali dichiarazioni saranno sufficienti per indicare, almeno per la discussione, le nostre direttive nei confronti degli altri.

La perequazione sociale

Noi non siamo né socialisti né comunisti, ma siamo solidaristi: solidarietà di gruppi e di interessi, contributo di tutte le forze produttive in un sistema in cui il lavoro abbia la preminenza su tutti.
Non abbiamo ragione di nascondere che nel nostro Partito c'è anche qualche proprietario e qualche industriale, anzi ritengo che è una fortuna che ci siano, soprattutto se capaci, abili ed accorti, perché è il momento che i grandi proprietari comprendano l'ora che passa. Bisogna che facciano dei sacrifici perché non è possibile mantenere i privilegi attuali né nel campo della proprietà agraria né nel campo dell'industria.
Bisogna che si arrivi ad un'altra perequazione, ad un altro sistema della proprietà fondiaria, che si basi sulla giustizia sociale. E per questo è utile ed augurabile la collaborazione degli stessi possessori d'oggi, perché o c'è questa via di evoluzione nella collaborazione dei più intelligenti, dei più accorti, dei più cristiani, oppure correremo il rischio di subire soluzioni di forza. La mèta deve essere chiara; i contadini devono avere la terra e la devono avere attraverso riforme legali e graduali sulla giustizia, dettate dalla maggioranza, ma con la transazione e con il contributo concordato anche con gli attuali proprietari, tenuto conto dei loro legittimi interessi e delle esigenze di produzione.
La democrazia cristiana vuole esercitare una pressione sopra questi soci che sono tra noi o sono simpatizzanti con noi, affinché si mettano alla testa di questo movimento riformatore. Solo così si potranno evitare scosse violente, solo così sarà raggiunta una nuova sistemazione, nella libertà di tutti.
Là dove non arriva la saggezza, dovrà sopperire la legge, sia pure con legittimo indennizzo. Non ve ne parlo in concreto perché Gonella nella sua relazione vi ricorderà i relativi ordini del giorno votati dal Partito. Ma la questione sta tutta qui: in Italia vi sono 4 milioni circa di coltivatori diretti; 3 milioni di coloni parziari; 2 milioni di lavoratori a salario o partitanza; 1.800.000 braccianti. Senza dubbio, negli ultimi 40-50 anni c'è stato un progresso verso l'estensione della piccola proprietà e l'estensione della partecipazione, ma il progresso è stato troppo lento. Il ritmo della guerra impone ed accelera le attuazioni. Noi dobbiamo prendere dei provvedimenti perché anche in questo campo si faccia un passo decisivo, un passo soprattutto che vuol dare la terra a chi non ha nulla, ai braccianti, e che vuol tener conto anche dei mezzadri.
Però, intendiamoci bene: partire da questi ultimi mi pare sbagliato: incominciamo dai braccianti facendoli mezzadri o associati di piccolissime aziende con un quinto del territorio da una parte, e dall'altra alcune diecine di migliaia con un terzo del territorio. È vero che vi sono molte proprietà di enti pubblici e proprietà boschive e a pascolo che non si possono considerare nelle cifre come terreno coltivabile; ma è fuor di dubbio che bisogna arrivare ad una perequazione, anche se legalmente e con tutta la preparazione necessaria e, soprattutto, regionalmente. Questa è una ragione di più per concludere che non è possibile una legislazione agraria centralizzata. Vorrei dire qualche parola anche sulla questione dei mezzadri; ma siccome si è ricorso a me per un lodo(15) non vorrei dire qualcosa che possa essere ostico all'una parte o all'altra. Però mi pare chiaro: da una parte resistenza eccessiva, dall'altra violenze deplorevoli. Noi democratici cristiani non abbiamo avuto la forza di imporci; non abbiamo avuto questa possibilità pur avendo congiunti a noi per antica tradizione buona parte dei contadini e dei mezzadri.
Perché non siamo riusciti? È stata deficienza nostra o violenza altrui? Ecco il problema che sottopongo a voi.

La riforma industriale

Non accenno al Congresso la riforma industriale. Anche questo è argomento della relazione Gonella. Però, badate, due cose sono vere: 1) non è possibile pensare che in Italia due o tre milioni di lavoratori organizzati nel famoso quadrato presumano di decidere da sé le sorti delle classi operaie, quando molti ancora sono gli operai non organizzati centralmente e quando soprattutto il contributo dei contadini è necessario; 2) non è possibile supporre che si arrivi ad una riforma graduale attraverso la partecipazione e attraverso i consigli di gestione senza il contributo dei tecnici e senza l'aiuto degli attuali dirigenti più progressisti. Abbiamo visto un esempio pratico alla Fiat, dove la collaborazione dei dirigenti e degli operai con un rimarchevole apporto dei democratici cristiani ha portato ad una soluzione provvisoria che è lodevole e merita di essere imitata anche altrove.
Dove altre tendenze si possono contrapporre: totalitarismo e pluralismo. Noi temiamo che il marxismo, come tendenza, trasformi in politica la sfera economica e sia costretto per questo, ad una certo punto, ad intervenire con la coazione la quale ci potrà far perdere perfino la libertà politica. Ecco il nostro timore, ecco la nostra esitazione di fronte a certe proposte.
Noi pensiamo ancora che sia da temersi la burocratizzazione dell'economia. La ingerenza statale deve essere per ciò su cui esiste l'accordo dei più, il che è possibile per i problemi di massima importanza, non per questioni di dettaglio nel processo produttivo. Ecco perché crediamo che per la maggior parte (il 75 per cento dell'industria), valga il principio della libertà, sia pure col controllo degli enti sindacali.

Stato e Chiesa

Non esageriamo sul potere dello Stato. Essendo al Governo vi posso parlare anche della limitatezza della possibilità che possono avere 18 uomini che deliberano su leggi e decreti preparati dalla burocrazia.
Vedo come è insufficiente la possibilità di trasmissione degli ordini, delle deliberazioni fino alla esecuzione in concreto e in dettaglio.
Non auguriamoci il progresso del totalitarismo, ma invochiamo il progresso del pluralismo, cioè della libertà degli enti minori, del contributo di queste forze vitali, indipendenti dallo Stato.
Non è tutto, lo Stato. Come ha detto un poeta romantico, lo Stato è invece "l'involucro grossolano intorno al nocciolo della vita".
Questo vale soprattutto in confronto della Chiesa. Perché non dire ora una parola su questo argomento? È nell'aria. Anche se non vi sono delle formule o delle discussioni, è nell'aria. Bisogna dunque vederci chiaro.
Voltaire attaccava la Chiesa come forza aggressiva, persecutrice, nemica della libertà e rivale pericolosa dello Stato.
Rousseau la combatteva perché antisociale, orientatrice di speranze umane verso l'altra vita, portata quindi a trascurare i diritti civici. E questo pensiero si è tramandato giù giù sino a Lenin, che diceva che la religione è l'oppio dei popoli. Non è che questo sia un pensiero particolare del comunismo; è un pensiero tramandato dalla filosofia del secolo XVIII. È un pensiero che avversa la Chiesa e la distrugge non per esigenze di giustizia sociale, come in questo momento possono in qualche paese manifestare i comunisti, ma per avversione morale e spirituale.
Di fronte a ciò, sarà bene constatare cosa dice il Bryce nella famosa opera "Democrazie moderne" a proposito della Chiesa: "Se noi studiamo non tanto i fatti della Chiesa quanto le idee-madri che essi contengono e che investirono il corso degli avvenimenti, ci accorgeremo che non si potrebbe contestare la sua influenza soprattutto da due punti di vista:
essa, cioè la Chiesa, impiantò nelle coscienze umane il concetto di una libertà spirituale e non esitò a sfidare la costrizione fisica. Essa creò un sentimento di uguaglianza fra gli uomini e mise un freno all'idolatria degradante immaginata dai despoti asiatici. Né Voltaire, né Rousseau seppero vedere che la credenza nella vita e nell'immortalità, rivelata dal Vangelo, può esaltare i più nobili moventi di un uomo e dare un nuovo prezzo, una forza novella, a ogni travaglio. Se mai un tale spirito ispirasse tutta una nazione, questa sarebbe una nazione cristiana come giammai si vide nel mondo"(16).
Amici miei, non è questo un cattolico che scrive. è un uomo che ha esaminato paese per paese la storia della democrazia ed ha investigato su tutte le esperienze della storia moderna.
Ora contro questi principii, queste affermazioni ed in derivazione degli spiriti di Voltaire e di Rousseau, abbiamo le dottrine di Marx e di Engels sul materialismo dialettico. Lo spirito è un'emanazione della materia, ecco il principio fondamentale di questa concezione, che ha permeato il marxismo, e che noi oggi non sappiamo ancora in che profondità e in quale misura ispira i partiti. Non certo si ripete quel che scriveva Lenin, che la religione è "una specie di grossolana acquavite spirituale". Non certo si ripete la frase di lui, che la religione dell'umanità è solo "il prodotto ed il riflesso dell'oppressione economica in seno alla società". Però non possiamo nemmeno tranquillizzarci e accontentarci delle dichiarazioni che oggi si fanno in questo o quel partito, di accettare nel loro seno anche i cattolici, anche i credenti. Se questo è un omaggio alla nostra Fede, ne siamo grati e orgogliosi, ma a questo corrisponde anche una tattica che Lenin stesso previde quando scriveva: "L'unità di questa lotta veramente rivoluzionaria della classe operaia per crearsi un paradiso sulla terra, ci preme di più dell'unità di opinione dei proletari sul paradiso in cielo. Ecco perché non dobbiamo rifiutare l'accesso al partito di proletari che conservino certe tracce dei vecchi pregiudizi".

La battaglia da vincere

Perché io risalgo a queste dichiarazioni programmatiche e ideologiche del marxismo? Perché credo che il problema si ponga dinanzi a tutte le coscienze. È errore e sarebbe poco cristiano di non augurarsi che avvenga un'evoluzione tranquilla e serena verso quelli che noi consideriamo verità e che cessino avversioni e pregiudizi che in queste dichiarazioni che ho letto sono così aspramente formulate. Quest'augurio vale in confronto di qualsiasi uomo e di qualsiasi partito all'infuori di noi. Però non basta l'augurio, bisogna trovare una garanzia, ma nessun'altra garanzia esiste altrettanto efficace che quella della forza della Democrazia cristiana in Italia.
Se mai l'alito del marxismo raffreddasse questa nostra Italia così pittoresca di monumenti, di fede, così palpitante dì una storia in cui si mescolano cielo e terra, il popolo italiano non capirebbe più la sua tradizione e la sua storia e accuserebbe la nostra debolezza come un tradimento.
Permettetemi questa immagine per illustrare la mia affermazione: a Pasqua c'è spesso occasione di ammirare la volta della Sistina: quella che fu detta una immensa sinfonia biblica che canta l'attesa universale di Cristo in ogni storia e in ogni figura. Il quadro centrale della volta raffigura i cherubini che seguono stupefatti il gesto creatore del Padre che ha plasmato la figura dell'uomo e ora tende il braccio e il dito fin quasi a toccarlo, per infondere nell'uomo lo spirito. Si direbbe che Michelangelo dipingendo il volto grave del Padre abbia pensato ai noti versi danteschi:

Lo Motor primo a lui si volge lieto
sovra tant'arte di natura, e spira
spirito novo, di virtù repleto.

(Purg., XXV)

Se mai avvenisse che in Italia si spegnesse l'idealismo cristiano dovremmo temere che il popolo italiano non comprenderebbe più il suo Dante e il Suo Michelangelo e passerebbe dinanzi a questa volta con la stessa freddezza e indifferenza come oggi si passa dinanzi alla storia degli "dei falsi e bugiardi" del Belvedere.
Ben comprendo come il Santo Padre nell'ultimo suo discorso(17) abbia avuto questa tetra visione: se mai avvenisse che lo spirito avversario della tradizione cristiana si impadronisse della coscienza italiana difficilmente ci sarebbe più un ritorno.
È dunque una battaglia decisiva che si combatte, non dico solo con le schede elettorali, ma nei contatti col popolo, nei contatti coi problemi politici, sociali e culturali, è una battaglia decisiva che noi cattolici siamo chiamati a combattere. Lo accenno non perché voglia farmi maestro di religione e di teologia, ma perchè sento nel profondo della mia coscienza che se non credessimo più allo spirito che creò e fecondò la vita e la storia italiana, solo al determinismo dei fatti economici positivi, ma non avremmo perduto una battaglia elettorale, ma avremmo perduto la battaglia della civiltà e della cultura.
Vi ho parlato prima di garanzia. La garanzia non può essere una dichiarazione elettorale, né un proclama alla vigilia delle elezioni. Vigilanza e cautela sono necessarie. La garanzia non sta che in questo: che il popolo italiano mandi alla Costituente, la quale deve stabilire i principi fondamentali sui quali si reggerà per secoli, degli uomini che abbiano convinzione e pratica cristiana.
Il marxismo si dice necessario per fungere da fermento rivoluzionario nella storia. E sia pure. lo concedo che nella economia provvidenziale ognuno ha il suo posto. Fermento della storia! Ma la storia deve essere nostra, la storia della civiltà italica e cristiana.
Amici, noi vi chiediamo di tendere i vostri muscoli, le vostre energie, perché la Democrazia cristiana diventi nell'Assemblea Costituente la garanzia invincibile che questa storia non verrà né offuscata, né spezzata.

On. Alcide De Gasperi
I Congresso Nazionale della DC
Roma, 24-28 aprile 1946

* * *

(1) Il quinto ed ultimo Congresso nazionale del Ppi si svolse a Roma, dal 28 al 30 giugno 1925, nei locali di via Monte della Farina. Segretario del partito, dopo le dimissioni di Sturzo (10 luglio 1923) e il "triumvirato" Rodinò-Gronchi-Spataro, era dal 20 maggio 1924 Alcide De Gasperi.
(2) Il quarto Congresso nazionale del Ppi si tenne a Torino, dal 12 al 14 1923. Nell'ordine del giorno De Gasperi si leggeva: Il Congresso (...) approva la partecipazione dei popolari all'attuale Ministero (...), intendendo che la loro presenza possa e debba (...) assicurare le basi indefettibili di ogni ragione civile, la libertà e la giustizia".
(3) Il Movimento Guelfo d'Azione (e non neo-guelfo, che è storicamente altra cosa) faceva capo a Piero Malvestiti e Gioacchino Malavasi e operava dal 1928 soprattutto in Lombardia. Oltre ad essere l'unico gruppo cattolico organizzato dichiaratamente antifascista (i due esponenti citati furono arrestati e condannati a cinque anni di carcere), svolse un notevole lavoro di approfondimento ideologico, che si concentrò nei dodici punti del "Programma di Milano". Dopo i colloqui dei 1942 con De Gasperi a Borgo Valsugana, il Movimento Guelfo decise di confluire nella nascente Democrazia cristiana.
(4) Ricordiamo in particolare i documenti elaborati dalla "Commissione per il lavoro e la previdenza sociale" (11 novembre 1944), dalla "Commissione per la politica estera" (26 dicembre 1944 e 7 settembre 1945), dalla "Commissione per le finanze e il tesoro" (21 gennaio 1945), dalla "Commissione per i problemi agricoli" (6 luglio 1945). I documenti più importanti approvati dai Consigli nazionali sono "Per uno Stato democratico", "Decentramento amministrativo e autonomie regionali", "Riforma agraria" (Consiglio nazionale del settembre 1944) e "Democrazia politica e democrazia economica", (Consiglio nazionale del marzo 1944) Sugli uni e sugli altri riferisce "Atti e documenti della Dc 1943-1967", a cura di Andrea Damilano, Cinque Lune, Roma 1968.
(5) La S.E.L.I. (Società Editrice Libraria ltaliana) era stata fondata da Luigi Sturzo nel 1923 ed aveva ripreso l'attività all'inizio del 1945. Tra le sue prime iniziative, aveva bandito un concorso per una storia della Dc (il premio fissato era di 50 mila lire), ma senza successo, Oggi, nel frattempo la S.E.L.I. è scomparsa e il suo posto è validamente occupato dalla Casa Editrice Cinque Lune che fondata da Amintore Fanfani nel 1954, già l'anno successivo riuscì a pubblicare una breve "Soria della Democrazia Cristiana", di Vito G. Galati, pp. 132.
(6) Dopo che nell'aprile 1944 Angelico Venuti, nel luglio 1944 Giuseppe Fuschini e nell'agosto 1945 Piero Mentasti avevano ricoperto gli incarichi di responsabili della stampa e della propaganda del Partito, nell'agosto 1945 una circolare di Attilio Piccioni e il mese successivo una di Giuseppe Dossetti (ambedue Vice Segretari della Dc) vennero a definire in forma moderna e funzionale la struttura della Spes e i suoi compiti: studi, propaganda e stampa. Già dall'ottobre 1945 risultava essere "Dirigente centrale dei servizi Spes il prof. Amintore Fanfani" (da "Democrazia cristiana", Bollettino della Direzione del Partito, n. 7, 1° novembre 1945, p. 2). Per una storia della Spes e dell'attività da questa svolta per delineare e trasmettere l'immagine del Partito e il suo messaggio politico, si veda: "Parole e immagini della Democrazia cristiana in quarant'anni di manifesti della Spes", a cura di Carlo Dané, Ed. B e B, Roma 1985.
(7) Nell'Italia meridionale il rapporto iscritti/popolazione era del 2,41 per cento.
(8) Per le elezioni amministrative e dell'Assemblea Costituente la Dc aveva aperto una sottoscrizione nazionale. "Il Popolo" del 6 marzo 1946 scriveva in proposito: "Il nostro Partito non ha fondi segreti, non riceve finanziamenti. Per affrontare una spesa eccezionale come quella che esige una campagna elettorale condotta seriamente, deve chiedere aiuto ai suoi tesserati e ai simpatizzanti: lo capiscono tutti. È quindi un dovere sostenere il Partito in questo particolare momento". E il 22 marzo informava invece: "Per le proprie esigenze organizzative, il Pci avrebbe acquistato a Roma tre grandi edifici. La sede centrale verrebbe sistemata in uno di questi, ancora in costruzione, situato in via delle Botteghe Oscure".
(9) Delegata nazionale del Movimento femminile era dal 19 agosto 1944 Angela Maria Cingolani Guidi.
(10) Delegato nazionale del Movimento giovanile era dal 19 agosto 1944 il dott. Giulio Andreotti.
(11) L'Icas era l'Istituto cattolico di attività sociale, costituito dall'Azione cattolica nel 1925 e diretto da Ludovico Montini, Luigi Colombo, Girolamo Lino Moro e padre Giovanni Balduzzi. Nel 1943 la direzione passò a Vittorino Veronese, che chiamò come collaboratori alcuni esponenti del Movimento laureati cattolici e con questi promosse gli incontri di Camaldoli dai quali scaturì l'omonimo "Codice". L'Icas fu in parte promotore della costituzione delle Acli, del Cif, dell'Uci, della Confederazione cooperative, ecc., e svolse un'importante azione formativa attraverso le "Settimane Sociali" e con la rivista "Orientamenti sociali".
(12) Si tratta di "Italia Nuova", che aveva avanzato questa richiesta in due articoli: "Pescara" (2 aprile 1946) e "Il Governo risponda" (4 aprile 1946), ambedue a firma "Scrutator".
(13) Per una migliore comprensione degli avvenimenti qui sinteticamente ricordati da De Gasperi, ricordiamo le date principali: 25 luglio 1943, caduta del fascismo e I Governo Badoglio; 8 settembre 1943, armistizio e trasferimento del re e del Governo a Brindisi; 13 ottobre 1943, dichiarazione di guerra dell'Italia alla Germania; 22 gennaio 1944, sbarco alleato ad Anzio; 28-29 gennaio 1944, Convegno del Cln a Bari; 10 febbraio-15 agosto 1944, spostamento della sede del Governo da Brindisi a Salerno; 27 marzo 1944, rientro di Togliatti in Italia e "svolta di Salerno": collaborazione con la monarchia e rinvio della questione istituzionale, alla fine della guerra; 21 aprile 1944. Il Governo Badoglio, con sei partiti del Cln; 4 giugno 1944, liberazione di Roma; 10 giugno 1944, I Governo Bonomi; 12 dicembre 1944, II Governo Bonomi.
(14) Tre giorni prima dell'apertura del Congresso un migliaio di detenuti politici e comuni di S. Vittore (Milano), capeggiati, dai noti banditi Barbieri e La Marca e bene armati, riuscivano ad occupare il carcere e a prendere in ostaggio diverse guardie, per cui rilascio chiedevano la liberazione di tutti i detenuti politici. Si ingaggiava per tre giorni una vera battaglia, con prolungate sparatorie dalle due parti e intervento dell'esercito con artiglierie leggere, che si concludeva con la resa degli insorti.
(15) L'8 marzo 1946, su richiesta della Cgil, De Gasperi era intervenuto nella vertenza che contrapponeva mezzadri e proprietari, con un "lodo" che trovò piena accoglienza dalle due parti e fu convertito in legge. Era, in pratica, un primo passo sulla strada della riforma agraria.
(16) John Bryce, "Democrazie moderne", commento critico e conclusioni generali, a cura di Luigi Degli Occhi, Ed. Hoepli, Milano 1931 (pp. 83 e 84).
(17) Pubblicato su "L'Osservatore Romano", 21 aprile 1946, p. 1.

(fonte: biblioteca Butini)


torna indietro home page stampa la pagina Portale della Democrazia Cristiana - un progetto ideato dall'Istituto "Renato Branzi" di Firenze
hogan interactive, hogan stivali scarpe, hogan scarpe 2015, hogan scarpe italia, hogan scarpe outlet, hogan scarpe 2014