LA DEMOCRAZIA CRISTIANA IN ITALIA

LA STORIAGLI UOMINII CONGRESSILE ELEZIONILE CORRENTI
I DOCUMENTILE IMMAGINITESTIMONIANZEISTITUTO BRANZIRINGRAZIAMENTI

 

II° CONGRESSO NAZIONALE DELLA DC: MOZIONE "PER L'ELEVAZIONE ECONOMICA E SOCIALE DEL MEZZOGIORNO"
(Napoli, 15-19 novembre 1947)

Le mozioni presentate e approvate dal II° Congresso sono state molte: mozioni sullo Statuto della Regione sarda (a firma dell'on. Mannironi), sul primato del lavoro (Dominedò, Segni, Cassiani, Mattarella, Scoca), sull'Unione europea, sull'assistenza sociale, sul problema agricolo, su mutilati e sui partigiani.
Le mozioni politiche vengono trasmesse al Consiglio nazionale per la formulazione definitiva.

* * *

Mozione "Per l'elevazione economica e sociale del Mezzogiorno"

Il Consiglio nazionale della D.C.
Rivendica al movimento democristiano, confluito nel Partito Popolare italiano, il merito di aver per primo impostato, sul piano politico, il problema dell'elevazione economica e sociale del Mezzogiorno come problema di carattere nazionale ed alla Democrazia Cristiana il compito di risolverlo come il Partito a ciò più adatto per la sua composizione e per i motivi ispiratori del suo programma;
Richiama i vari e notevoli contributi di studio dati dal Partito, in occasione del Congresso di Napoli, alla soluzione del problema del Mezzogiorno;
Prende atto con soddisfazione che il 4° Ministero De Gasperi ha dato inizio alla rivalutazione del Mezzogiorno come dovere di giustizia sociale e come condizione indispensabile per il potenziamento dell'economia nazionale;
Indica nella trasformazione fondiaria e nella riforma agraria, nella industrializzazione, nella valorizzazione turistica, nel risanamento igienico e nel connesso sviluppo delta viabilità e delle comunicazioni terrestri, marittime, ed aeree gli obiettivi da realizzare perché il Mezzogiorno, ora prevalentemente mercato di consumo dei prodotti industriali del Nord, acquisti una sua propria funzione produttiva ed il tenore di vita del popolo italiano nelle varie regioni possa essere così sollecitamente perequato;
Impegna il Partito:
a) a promuovere una politica generale di Governo che, particolarmente nel settore delle relazioni estere, del credito, delle finanze, dei lavori pubblici, delle scuole, miri, incoraggiando il promettente risveglio delle iniziative locali ed abbandonando la tradizionale politica di sostegno statale di determinate industrie parassitarie, a creare le condizioni favorevoli per il raggiungimento dei suddetti obiettivi;
b) ad intensificare nel Mezzogiorno l'azione di profondo rinnovamento politico volto ad elevare la vita pubblica su un piano di competizione di idee e di programmi basati sulla visione dell'interesse generale del popolo in modo che risulti l'affermazione e lo sviluppo delle sane energie sociali;
Delibera la costituzione di un Comitato Permanente per il Mezzogiorno, di carattere politico, affiancato da esperti, il quale promuova e coordini in tali sensi la politica del Partito.

Mozione "Per l'elevazione economica e sociale del Mezzogiorno"
II° Congresso Nazionale della DC
Napoli, 15-19 novembre 1947

(fonte: biblioteca Butini)


torna indietro home page stampa la pagina Portale della Democrazia Cristiana - un progetto ideato dall'Istituto "Renato Branzi" di Firenze
hogan interactive, hogan stivali scarpe, hogan scarpe 2015, hogan scarpe italia, hogan scarpe outlet, hogan scarpe 2014