LA DEMOCRAZIA CRISTIANA IN ITALIA

LA STORIAGLI UOMINII CONGRESSILE ELEZIONILE CORRENTI
I DOCUMENTILE IMMAGINITESTIMONIANZEISTITUTO BRANZIRINGRAZIAMENTI

 

GUERRA IN VIETNAM: INTERVENTO DI ALDO MORO AL SENATO DELLA REPUBBLICA
(Roma, 12 febbraio 1965)

Nel 1940 il Vietnam fu invaso dai Giapponesi. Nel 1945 la Lega patriottica per l'indipendenza del Vietnam prese il potere e costituì una repubblica indipendente presieduta da Ho Chi Minh, il leader comunista che aveva fondato la Lega patriottica (Vietminh) nel 1941.
Nel luglio-agosto del 1945 si tenne la Conferenza di Potsdam (Regno Unito, URSS e USA). In base agli accordi il Nord fu occupati dai Cinesi e il Sud dai Britannici, poi dai Francesi che nel 1948 rimisero sul trono il re Bao Dai, che aveva abdicato nel 1945, dopo che il Vietminh prese il potere.
Dal 1946 al 1954 la guerra d'Indocina contrappose il Vietminh alla Francia. La Francia fu sconfitta a Dien Bien Phu nel maggio 1954. La Conferenza di Ginevra del 1954 riconobbe l'indipindenza del Vietnam e la sua provvisoria divisione in due zone (il Nord comunista e il Sud filo-occidentale).
Nel 1955 il Vietnam del Sud proclamò la Repubblica presidenziale e il Vietnam del Nord ristabilì la Repubblica comunista.
Nel 1957 cominciò la lotta armata fra l'esercito regolare sud-vietnamita, sostenuto dagli USA, e i guerriglieri comunisti sud-vietnamiti (vietcong) sostenuti dal Nord Vietnam e dal 1960 dalla Cina e dall'URSS.
Nel 1962 il Presidente degli Stati Uniti d'America John F. Kennedy aumentò l'impegno militare americano in Vietnam.
Nell'agosto 1964, nel golfo del Tonchino, ci fu uno scontro a fuoco tra il cacciatorpediniere americano "Maddox", in perlustrazione, e motosiluranti nord-vietnamiti. Gli Stati Uniti inviarono in Vietnam un corpo di spedizione e cominciano i bombardamenti del Nord. Il 6 febbraio 1965 i Vietcong attaccarono con mortai pesanti le basi americane di Pleiku (provocando la morte di sette soldati e il ferimento di 109 persone) e di Soc Trang (senza provocare vittime). Formazioni americane e sud-vietnamite colpirono per rappresaglia la base nord-vietnamita di Dong Hoi. Una seconda incursione avvenne l'8 febbraio. Gli Americani decisero di inviare in Sud Vietnam un battaglione di missile Hawk, con 600 uomini.
L'on. Aldo Moro era Presidente del Consiglio dei Ministri del suo Secondo Governo (luglio 1964 - febbraio 1966). Il ministro degli Affari Esteri Giuseppe Saragat, eletto Presidente della Repubblica il 28 dicembre 1964, si era dimesso il giorno successivo. Il Presidente Moro assunse l'interim degli Affari Esteri dal 28 dicembre 1964 al 5 marzo 1965.
Il 12 febbraio 1965 furono discusse in Senato interrogazioni e interpellanze sugli sviluppi della situazione nel Vietnam, a cui l'on. Moro rispose.

* * *

La situazione che si è venuta mano a mano e poi negli ultimi giorni a determinare nel Sud-Est asiatico non può che destare la nostra attenzione e insieme viva preoccupazione. Non mi sorprende perciò che mi siano state presentate da diverse parti politiche così numerose richieste di precisazione, sotto forma di interpellanze o di interrogazioni. Ma prima di rispondere ad esse, mi sia consentito di dire che nella valutazione degli eventi è giusto collocarsi in una posizione responsabile che, al di là di una polemica di parte, sia atta a facilitare una esatta comprensione degli avvenimenti e dei grandi interessi della pace e della sicurezza che vi sono legati.
Vorrei aggiungere che gli eventi, a quanto è dato a noi giudicare sono tutt'ora in una fase fluida e riguardano obiettivi di stretta natura militare e non le popolazioni. Pensiamo che soluzioni possono essere trovate alla condizione che, nel rispetto degli accordi internazionali a suo tempo conclusi, si rinunci al ricorso alla violenza e si ristabilisca la situazione di tregua che tali accordi si proponevano e dentro la quale può essere ricercata e forse trovata una soluzione adeguata, che salvaguardi gli interessi delle popolazioni locali e l'equilibrio delle forze mondiali la cui sensibile alterazione costituisce di per se stessa una grave minaccia per la pace.
Dopo i primi gravi episodi che hanno determinato atti di rappresaglia da parte americana, destinati ciascuno a chiudersi in se stesso altri se ne sono verificati nel Sud Vietnam: ciò rischia di far continuare un circolo vizioso nel quale si disperdono le possibilità di soluzioni pacifiche e si apre il rischio di un aggravamento del conflitto.
Con queste premesse ho già risposto ad alcuni punti sollevati negli interventi del senatore Mencaraglia e dl senatore Lussu sulle origini e la natura degli avvenimenti. Lo stesso sen. Mencaraglia ed anche il sen. Bartesaghi fanno riferimento agli accordi di Ginevra. Ma il punto della questione è proprio questo: individuare da chi questi accordi sono stati violati.
Essi, come è noto, ponendo fine alla guerra francese in Indocina divisero il Vietnam in due zone all'altezza del 17° parallelo e ciò provocò la formazione di due governi di diverso regime sociale. Gli accordi che sancivano questa divisione prevedevano una successiva riunificazione dell'intero Vietnam sulla base di libere elezioni. Ma ciò non avvenne a causa della situazione venutasi a determinare localmente: da una parte si sviluppò l'influenza di Pechino sul nord Vietnam e la pressione attiva di Hanoi sul sud Vietnam; dall'altra, come conseguenza delle infiltrazioni e pressioni dal nord, il governo di Saigon chiese agli Stati Uniti una assistenza diretta a difendere il proprio territorio dalle infiltrazioni degli elementi addestrati ed armati nel nord e muniti di materiale militare straniero.
Questi sono i precedenti dai quali è derivata la difficile situazione odierna. Non è quindi necessario ricercare molto lontano le responsabilità di tale situazione. Essa non deriva da una volontà di premeditata aggressione degli Stati Uniti, vincolati a dare assistenza al Vietnam del sud, ma dal tentativo di rompere unilateralmente una condizione di cose che è tra le eredità della guerra e della quale si può auspicare il supermaneto in forma pacifica.
E' certo vero che la situazione creatasi nel Vietnam rappresenta un grave pericolo che ci si deve sforzare si sventare. Credo di avere indicato la strada da seguire per raggiungere tale risultato nella prima parte di queste mie dichiarazioni, allorché ho manifestato appunto l'augurio che venga trovata, in una cessazione della violenza, la base per la ricerca di una soluzione del problema di fondo. E' certo che anche da parte nostra si è doverosamente attenti ad una possibile estensione del conflitto. Dobbiamo peraltro constatare che, mentre da parte del governo americano si è ripetutamente respinta l'eventualità di ogni sua estensione, l'insistenza dall'altra parte nella propria iniziativa d'attacco è sintomo preoccupante di propositi che possono andare oltre il settore in questione per coinvolgere più vasti disegni.
Nello stesso quadro generale che riflette uno specifico orientamento e sul quale credo di essermi già espresso, l'on. sen. Bartesaghi introduce due nuovi specifici elementi sui quali ritengo sia opportuno fornire qualche precisazione.
Anzitutto egli accenna alle vicende del Laos. E' utile che egli abbia toccato questo argomento, perché è proprio in quel settore che si è rivelata la difficoltà di assicurare, attraverso una collaborazione fra le varie tendenze, quella politica di neutralità che viene spesso invocata per il Vietnam. Avvenimenti recenti sono appunto il riflesso di questa incapacità pratica di adattarsi ad una situazione che era stata giuridicamente fissata da un accordo internazionale, volontariamente sottoscritto dalle parti interessate. L'altro punto sollevato riguarda la possibilità per il Governo italiano di promuovere una propria azione in appoggio alla convocazione della conferenza di Ginevra. Mi si consenta di rispondere con tutta franchezza che il realismo politico, dal quale nella nostra responsabilità non possiamo dipartirci, ci consiglia la sola iniziativa che ci compete, quella di secondare quella soluzione che apparirà la più idonea ai paesi interessati.
Sono stati avanzati suggerimenti a favore di incontri ad alto livello. Pur giudicando che questi incontri possano giovare, è difficile sperare che iniziative del genere possano realizzarsi prima che la situazione si decanti. Ed è questo che noi come ho avuto occasione di dire al principio di queste dichiarazioni, ci auguriamo che avvenga con la buona volontà di tutte le parti in causa. Ciò non significa, come ho già detto, che noi rimaniamo inerti. La nostra opera si svolge, com'è ovvio, sul piano del consiglio alla moderazione, nei termini e nei limiti sopra indicati.
Posso assicurare che noi siamo in continuo contatto con tutte le fonti di informazione e di valutazione, allo scopo di poter dare agli sviluppi della situazione una considerazione adeguata e costruttiva.
Mi sembra di poter affermare che da parte degli Stati Uniti la situazione è affrontata con senso di responsabilità. Abbiamo rilevato con compiacimento che, non appena gli eventi si sono prodotti, Washington, nel sottolineare i ben precisi limiti della sua azione, ha provveduto ad informare il Presidente del Consiglio di Sicurezza sull'accaduto. Ciò facendo, essa ha confermato la sua fiducia nelle Nazioni Unite e di questo noi, fervidi sostenitori dell'ONU, non possiamo che prendere atto con soddisfazione, perché consideriamo questa procedura come una rinnovata prova di adesione alla supremazia della legge internazionale.
Infine, un'ultima considerazione di ordine generale. La zona di pericolo è zona a noi remota. Non vi abbiamo interessi diretti, né impegni politici e militari, ma vi abbiamo, nella doverosa comprensione per la posizione e la responsabilità degli Stati Uniti, gli interessi della vocazione universale e indivisibile di pace e di sicurezza, cui abbiamo ispirato sempre la nostra attività in seno all'Alleanza atlantica.
Il nostro obiettivo appare quindi quello di attirare l'attenzione sui pericoli che convengono nel Sud-Est asiatico e sull'opportunità di evitare, com'è dichiarato proposito degli Stati Uniti, il determinarsi di condizioni suscettibili di provocare l'estensione del conflitto.
Vorrei concludere rivolgendo nuovamente un appello perché gli eventi vengano seguiti e commentati con giusto equilibrio, avendo presenti le esigenze della pace e della sicurezza internazionale. Confido che questo alto Consesso, nel suo senso di responsabilità, vorrà concordare con questo indirizzo che risponde ai principi che devono reggere la condotta degli affari internazionali e che sono alla base del nostro programma di Governo.

On. Aldo Moro
Senato della Repubblica
Roma, 12 febbraio 1965

(fonte: Senato della Repubblica - Atti parlamentari - Resoconto della seduta di giovedì 12 febbraio 1965)


torna indietro home page stampa la pagina Portale della Democrazia Cristiana - un progetto ideato dall'Istituto "Renato Branzi" di Firenze
hogan interactive, hogan stivali scarpe, hogan scarpe 2015, hogan scarpe italia, hogan scarpe outlet, hogan scarpe 2014